Le cose più belle della vita o sono immorali, o sono illegali oppure fanno ingrassare. George Bernard Shaw

chi mi segue

domenica 16 marzo 2014

Torta Caprese




Le origini della Torta Caprese pare risalgano al 1920 circa, quando un cuoco di nome 
Carmine di Fiore, di Capri naturalmente, era in procinto di preparare una torta di 
mandorle per tre malavitosi americani giunti a Capri per conto di Al Capone. Nella fretta 
di preparare una torta di mandorle, dimenticò di aggiungere la farina; quando se ne 
accorse era troppo tardi e i tre andavano di fretta, quindi il cuoco dovette servire la 
torta così com’era venuta. Il risultato fu sorprendente: la torta era ottima al punto che 
i tre americani vollero subito la ricetta e il nome, per cui su due piedi il cuoco la 
battezzò "caprese", iniziando a produrla con regolarità.


Questa  è la mia ricetta

Ingredienti:
150 g di mandorle pelate
125 g di cioccolato fondente
125 g di burro
3 uova
100 g di zucchero semolato
un pizzico sale
cioccolato bianco per la copertura

Procedimento:
 Tostare leggermente le mandorle nel forno a 180°, quindi lasciatele raffreddare molto
bene. Una volta fredde frullatele con il mixer.
Fate sciogliere a bagnomaria cioccolato fondente , insieme  al burro, fino a quando il composto risulterà ben liscio, quindi lasciatelo  intiepidire.
Montate  i tuorli con lo zucchero in una ciotola capiente .
A parte  montare gli albumi a neve ben ferma con un pizzico di sale.
Aggiungete  al cioccolato fondente, ormai tiepido, le mandorle tritate. Amalgamate bene e unite il
composto ai tuorli con lo zucchero. Amalgamate nuovamente molto bene  e poi  unite
delicatamente gli albumi montati a neve in due volte  incorporando gli albumi dal basso verso l’alto molto
delicatamente.
Prendete  una tortiera di cm 20 di diametro e foderatela con carta forno, precedentemente bagnata in acqua tiepida e ben strizzata,  versate al suo interno il composto preparato ed  infornate la torta caprese in forno caldo a 180° in modalità statica per circa 30/35 minuti.
 Lasciatela raffreddare nel suo stampo. Poi trasferitela delicatamente su una gratella per dolci . Quindi una volta fredda  ponetela su di un piatto da portata, spolverizzatela con cioccolato bianco grattugiato.

Conservate la torta a temperatura ambiente, possibilmente sotto una campana di vetro, dura
perfetta per 3/4 giorni. Adattissima sia come fine pasto sia per un tè del pomeriggio.




1 commento:

  1. Conosco questo dolce, è buonissimo, e la tua versione ottima:)) che meraviglia, ne assaggerei molto volentieri una fetta anche ora, mi sta venendo l'acquolina:))
    complimenti, bravissima come sempre:)
    un bacione e buon inizio settimana:)
    Rosy

    RispondiElimina

il tuo commento è :